CON CIGNOMORO TRA I FILARI DI UNA VENDEMMIA MOLTO PARTICOLARE

La vendemmia, annuncia l’arrivo dell’autunno, chiude l’estate ed invita a raccogliere i grappoli maturi.
È un’esperienza sempre nuova che chiede alle cantine duro lavoro e spirito di adattamento…. eh sì perché non tutte sono ottime annate.
Questa del 2016 è stata una raccolta che ha sfidato i più sapienti vignaioli per le piogge frequenti che hanno costretto a continui cambi di programma.
Come abbiamo reagito noi di Cigno Moro?
Con una scelta che continua a sottolineare il nostro valore di cantina atipica. Abbiamo scelto di sacrificare la quantità alla qualità, abbiamo optato per all’appassimento delle uve sulla pianta cosi da preservarne alcolicità e caratteristiche organolettiche proprie di ogni vitigno.
Il risultato? Una quantità inferiore di vino prodotto con un aumento sostanziale della qualità che alla fine è per noi quello che conta.
Al prossimo anno!!